Cerca nel blog

BE CAREFUL...


After some troubles,here I go again.

Be careful: every link is tracked so if someone share a link, a java script send me his IP address and I found the guilty...
Delete link after downloading. You can share but on your own account
Respect these rules or you will be BANNED FOREVER and your name and your mail address will be shown here.
SO...

1) Do not share links: from now, every link is tracked so if a link would be sharing, the IP address is shown by me and I will banned who share link.
2) Requests 5 links in one day if they are not shown here only to ftd.for.you@gmail.com
3) DO NOT ASK RELEASES IF THEY AREN'T IN MY BLOG. I AM NOT A JUKE-BOX.


Dopo parecchi problemi con i miei blogs, rieccomi qua.

Avevo messo privati i miei tre blogs ma le richieste erano tantissime: Blogger può avere solo 100 lettori di un blog settato come "privato" così ho deciso di rimettere pubblici tutti e tre i miei blogs ma...
Occhio a non fare i "furbi" perché i miei links, ora, saranno tracciabili. Se verranno inviati a loro volta (cioè "condivisi"), io riceverò un alert grazie ad uno stratagemma ideato da un amico ed io bannerò il MOTHERFUCKER scrivendo nome, cognome, indirizzo mail e suo indirizzo IP. Ora, a voi amici italiani, parlerò chiaro (e volgare), ma sono incazzatissimo:
che cazzo vuole di più la gente??? Io invio tutto il materiale del quale sono in possesso GRATIS, non ho mai chiesto nulla... E qualche stronzone non rispetta la semplice regola di non inviare il link??? Da notare che non ho mai vietato di condividere il materiale: se qualcun lo vuole a sua volta caricare sul proprio account, lo può fare, che me ne frega??? Voglio evitare di vedere sprecata una settimana di lavoro (un mese, a volte...) per colpa di uno stronzaccio. Ma da ora in poi non sarà più così.
Ringrazio tutti gli amici che mi hanno contattato e che mi regalano molto materiale. Ho conosciuto persone davvero favolose ma, purtroppo, in mezzo a 10 amici, c'è sempre il MOTHERFUCKER. Se questo invertebrato pensa di fermarmi, sbaglia di grosso: potrò incazzarmi e sospendere momentaneamente ma non abbandonerò mai i miei blogs su Elvis; Elvis è una delle cose che mi piacciono di più in questo pianeta e voglio aiutare chi riesco ad aiutare, come tanti altri hanno fatto con me.

venerdì 11 settembre 2015

SO HIGH


DATA DI PUBBLICAZIONE: dicembre 2003.
Numero di catalogo: 8287653368-2.
Questa emissione è dedicata alle outtakes di tre diverse recording sessions tenutesi a Nashville dopo la metà degli anni sessanta.
La prima è quella del maggio 1966 durante la quale, tra l'altro, Elvis regitrò l'album religioso How Great Thou art; poi troviamo outtakes tratte dal settembre 1967 (Guitar man e You'll never walk alone) ed infine abbiamo versioni alternative del gennaio 1968 con pezzi originariamente destinati a Stay away, Joe.
Da segnalare che i primi CD avevano un difetto nella canzone "So high" e vennero sostituiti dalla FTD.






01 Run On (take 6)
02 Stand By Me (take 2)
03 Down In The Alley (take 6)
04 Tomorrow Is A Long Time (take 2)
05 Love Letters (take 8)
06 So High (take 1)
07 By And By (take 9)
08 Somebody Bigger Than You And I (take 11)
09 Without Him (take 1)
10 If The Lord Wasn't Walking By My Side (take 6)
11 Come What May (take 2)
12 I'll Remember You (take 2)
13 Guitar Man (take 9)
14 Mine (take 4)
15 Singing Tree (take 1)
16 Just Call Me Lonesome (takes 2, 3)
17 Hi-Heel Sneakers (take 5)
18 You Don't Know Me (take 2)
19 We Call On Him (take 2)
20 You'll Never Walk Alone (take 1)
21 Jam (16/1/1968)
22 Stay Away (take 6)
23 U.S Male (take 11)
24 Too Much Monkey Business (takes 4, 10)
25 Going Home (take 29)




Recensione di Davide.
Elvis sta ritrovando la voglia di fare musica ed è un tuffo nelle proprie radici questo bel blues Down in the alley (take 6).
Non perdere le proprie radici ma tenere gli occhi aperti sul presente sembra volerci dire nel mostrare serio interesse per Tomorrow is a long time (take 2), il cui testo è opera dell’emergente menestrello del rock Bob Dylan.
Love letters, della quale ascoltiamo la take numero 8, venne incisa a lume di candela davanti al perplesso David Briggs alla sua prima collaborazione con Elvis. La canzone che dà il titolo al CD, qui nella primissima versione alternativa, viene ben eseguita da tutti. Stesso discorso vale per By and by (take 9).
Nella splendida Somebody bigger than you and I (take 11) il nostro Elvis sfodera tutta la ricchezza della propria voce. Una take resa magica anche dal prezioso supporto del coro.
Without him (take 1) si distingue per il modo dolce con il quale viene cantata che diventa nel ritornello una vera e propria invocazione.
Molto allegra If the Lord wasn’t walk by my side (take 6).
Di Come what may abbiamo una buona take numero 2.
I’ll remember you (take 2) ci offre uno dei migliori vocal che Elvis abbia mai inciso. Curiosità: Poiché Elvis non si presentò in studio, vennero registrate le basi della canzone con l’aiuto di Red West alla voce. Giorni dopo, al momento di cantare sopra le basi pre-registrate Elvis si aiutò col vocal di West in cuffia che in questa take è udibile nel momento in cui la canzone si alza di tonalità.
Anche questa versione di Guitar man (take 9), composizione del geniale Jerry Reed, è molto buona e simile al master.
In Mine la voce di Elvis si libera in tutta la sua purezza: magnifica la seconda strofa e il ritornello con l’incontro tra Elvis, il coro e la voce soprano. Ben udibile l’arpeggio di chitarra.
La prima versione di Singing tree è più lenta rispetto al master e manca del vocal overdub.
Dopo il country Just call me lonesome (takes 3 e 4) troviamo un altro blues, di quelli veri, cantati con voce rauca: Hi-heel sneakers.
You don’t know me (take 2) viene incisa per la seconda volta in quanto Elvis non rimase soddisfatto della prima versione registrata per la colonna sonora di Clambake.
Dopo We call on Him (take 2) per ben 5:26 minuti Elvis è perso nella musica di questa bella You’ll never walk alone (take 1).
Alcuni attimi di jam in studio che non offrono niente di particolare e poi l’ultimo gruppetto di canzoni: la take numero 6 di Stay Away, la numero 11 di U.S. Male, la bella Too much monkey business (takes 4 e 10) di Chuck Berry e per finire Goin' Home (take 29).

Nessun commento:

Posta un commento