Cerca nel blog

BE CAREFUL...


After some troubles,here I go again.

Be careful: every link is tracked so if someone share a link, a java script send me his IP address and I found the guilty...
Delete link after downloading. You can share but on your own account
Respect these rules or you will be BANNED FOREVER and your name and your mail address will be shown here.
SO...

1) Do not share links: from now, every link is tracked so if a link would be sharing, the IP address is shown by me and I will banned who share link.
2) Requests 5 links in one day if they are not shown here only to ftd.for.you@gmail.com
3) DO NOT ASK RELEASES IF THEY AREN'T IN MY BLOG. I AM NOT A JUKE-BOX.


Dopo parecchi problemi con i miei blogs, rieccomi qua.

Avevo messo privati i miei tre blogs ma le richieste erano tantissime: Blogger può avere solo 100 lettori di un blog settato come "privato" così ho deciso di rimettere pubblici tutti e tre i miei blogs ma...
Occhio a non fare i "furbi" perché i miei links, ora, saranno tracciabili. Se verranno inviati a loro volta (cioè "condivisi"), io riceverò un alert grazie ad uno stratagemma ideato da un amico ed io bannerò il MOTHERFUCKER scrivendo nome, cognome, indirizzo mail e suo indirizzo IP. Ora, a voi amici italiani, parlerò chiaro (e volgare), ma sono incazzatissimo:
che cazzo vuole di più la gente??? Io invio tutto il materiale del quale sono in possesso GRATIS, non ho mai chiesto nulla... E qualche stronzone non rispetta la semplice regola di non inviare il link??? Da notare che non ho mai vietato di condividere il materiale: se qualcun lo vuole a sua volta caricare sul proprio account, lo può fare, che me ne frega??? Voglio evitare di vedere sprecata una settimana di lavoro (un mese, a volte...) per colpa di uno stronzaccio. Ma da ora in poi non sarà più così.
Ringrazio tutti gli amici che mi hanno contattato e che mi regalano molto materiale. Ho conosciuto persone davvero favolose ma, purtroppo, in mezzo a 10 amici, c'è sempre il MOTHERFUCKER. Se questo invertebrato pensa di fermarmi, sbaglia di grosso: potrò incazzarmi e sospendere momentaneamente ma non abbandonerò mai i miei blogs su Elvis; Elvis è una delle cose che mi piacciono di più in questo pianeta e voglio aiutare chi riesco ad aiutare, come tanti altri hanno fatto con me.

sabato 17 ottobre 2015

LET YOURSELF GO


DATA DI PUBBLICAZIONE: ottobre 2006.
Numero di catalogo: 88697020262-2.

Altro CD, dopo Burbank 68, dedicato alle outtakes provenienti dalle registrazioni per il famosissimo TV Special del 1968.
Il CD in questione riporta le prime 15 tracce che provengono dalle registrazioni in studio eseguite fra il 10 ed il 23 giugno mentre le restanti sono prove incise amatorialmente nel camerino di Elvis il giorno 24 dello stesso mese.

01 Trouble / Guitar Man (opening-takes 6, 7)
02 Nothingville (takes 5, 6)
03 Let Yourself Go (part 1 takes 5,6, part 2 take 2, part 3 take 6)
04 Guitar Man (escape section 1, fast takes 1, 2, 5)
05 Guitar Man (after Karate section 2 - take 1)
06 Little Egypt (take 8)
07 Trouble / Guitar Man (after Karate section 3 - take 2)
08 Big Boss Man (take 2)
09 It Hurts Me (part 1 take 5, part 2 take 3)
10 Guitar Man (escape section 1, remake, take 8)
11 Sometimes I Feel Like A Motherless Child / Where Could I Go But To The Lord (gospel sec. 1, rehearsal, take 1)
12 Up Above My Head / I Found That Light (gospel section 2 - take 7)
13 Saved (gospel section 3 - take 4)
14 If I Can Dream (takes 3, 4)
15 Memories (alternate vocal track)
16 I Got A Woman [rehearsal 24/6/1968]
17 Blue Moon / Young Love / Oh, Happy Day [rehearsal 24/6/1968]
18 When It Rains, It Really Pours
19 Blue Christmas
20 Are You Lonesome Tonight? / That's My Desire [rehearsal 24/6/1968]
21 That's When Your Heartaches Begin [rehearsal 24/6/1968]
22 Peter Gunn Theme [rehearsal 24/6/1968]
23 Love Me [rehearsal 24/6/1968]
24 When My Blue Moon Turns To Gold Again [rehearsal 24/6/1968]
25 Blue Christmas / Santa Claus Is Back In Town [rehearsal 24/6/1968]





Recensione di Davide.

Dopo il primo volume della serie, “Burbank ‘68”,  la FTD ritorna sul mitico show della NBC conosciuto come “Comeback Special”.
Molto bella la copertina di questo “Let yourself go” anche se di certo non è frutto di un’accurata ricerca: tale foto è già stata utilizzata come copertina interna del predecessore... Quello che tuttavia ci interessa è il contenuto, inseriamo dunque “Let yourself go” nel nostro lettore.
La scaletta si divide in due sezioni. La prima è “The outtakes”, che raccoglie alternative ed inediti della  preparazione delle varie sequenze dello show: Road medley, Gospel medley e l’infuocato inizio con Trouble/Guitar man.
La seconda parte, “The rehearsals”, ci presenta le prove effettuate il 24 giugno 1968 presso i camerini degli studi NBC in California. Vediamo nel dettaglio ciascuna parte.
La prima take di Trouble/Guitar man ci presenta un Elvis ed una band in non perfetta sintonia (take 6) mentre la seguente take è completa anche se  ancora non perfetta.
Una  favolosa armonica ci introduce all’ascolto dell’affascinante Nothingville che, se in questa take 5 il nostro Elvis rovina tutto dimenticando il testo, nella seguente nulla frena la bellezza di questo brano da “on the road”.
Proseguendo nell’ascolto ci si rende conto di quanto lungo e travagliato è stato il lavoro per mettere su la versione della song che da il titolo all’intero album: diverse sono le difficoltà incontrate soprattutto al momento dell’assolo di piano che farà poi da sfondo alla scena del bordello.
Alle tracce numero 4 e 5  Elvis cerca di sposare bene il testo di Guitar Man del Road medley ad un arrangiamento abbastanza veloce, il che  con  non poche difficoltà.
Little Egypt, take 8, è una buona quanto breve versione di un azzeccato ripescaggio dagli anni di Hollywood.
La take 2 di Trouble/Guitar Man (after karate section) è quasi perfetta, così come la seguente Big Boss Man (take 2).
Di It Hurts Me posso solo dire che, a mio parere, la versione che ascoltiamo in occasione del Comeback Special, è di gran lunga superiore a quella  studio del 1964 pubblicata sul disco “Gold records vol. 4”, in quanto molto più “sofferta” e condita da un ottimo accompagnamento di violini.
Dopo l’ennesima versione di Guitar Man, passiamo finalmente alla sezione Gospel con la prima take della coinvolgente Sometimes I Feel Like A Motherless Child/Where Could I Go But To The Lord, interrotta poco prima dell’inizio di Up Above My Head, altro buon Gospel quest’ultimo che ritroviamo in tutta la sua grinta nella traccia successiva (Gospel section 2, take 7). Stesso discorso per Saved.
Dopo un’ottima, come sempre, If I Can Dream, ecco che arriva, dolcissima, Memories (alternate vocal track), dove possiamo sentire Elvis sussurrare all’infinito la parola “Memories…” nel finale.
Come già detto, la seconda parte del disco raccoglie le prove effettuate da Elvis nei camerini degli studi della NBC, pubblicate in passato solo su bootleg.
Più che ad una prova pare di assistere ad un divertente festino tra amici all’insegna della buona musica. Tra i vari titoli troviamo le inusuali Blue Moon, Young Love, Oh Happy Day e la strumentale Peter Gunn Theme.




Nessun commento:

Posta un commento